The best solution for plant nutrition

TEST DI CAMPO VITE 2018

TEST DI CAMPO VITE 2018

Il test scientifico di campo impostato per dimostrare la validità della linea Bio Project, realizzato con il supporto del centro di saggio Promo Vert, procede e si avvia verso la vendemmia.
Attualmente i risultati risultano molto positivi.

(Tutte le foto dimostrative le puoi vedere nel Post della nostra pagina Facebook Biokimia International srl)

Da rilevare, alcuni aspetti fondamentali e particolarmente interessanti:

- il testimone non trattato risulta gravemente danneggiato sia nella parte vegetativa che in quella riproduttiva, con uve presenti ma colpite da peronospora ed oidio e quindi inservibili per la vinificazione. Questo testimonia... come la stagione sia risultata particolarmente pressante sotto l’aspetto fitosantiario.

- le parcelle trattate con linea aziendale e quelle trattate con la linea Biokimia presentano, a livello visivo, il medesimo stato sanitario (elaborazioni statistiche disponibili al termine della prova) definibile come ottimale: solo alcune macchie di peronospora presenti sulle femminelle emesse a seguito degli interventi di potatura verde (effettuati con cimatura e con sfogliatrice pneumatica). Grappoli sani al 100%.

- i livelli di clorofilla misurati a livello fogliare con misuratore di clorofilla (Spad) testimoniano un livello di clorofilla superiore nelle parcelle di Biokimia., rispetto a quanto rilevato nel non trattato e nel trattato con linea aziendale.

- il livello di invaiatura nelle parcelle di Biokimia risulta inferiore, al momento delle rilevazioni effettuate dall’inizio dei questa fase: la motivazione di questo comportamento è spiegabile con il fatto che la linea Biokimia comprende 3 biostimolanti (Bio Projet SM Top, Bio Project ID 0.9 e Bio Project MT 0.9) che hanno mantenuto la funzionalità dei tessuti vegetativi più a lungo e quindi hanno ritardato i fenomeni di senescenza relativi alla porzione vegetativa e riproduttiva. Questa manifestazione è da leggersi in senso positivo, poiché in questa fase di maggiore funzionalità la pianta potrà continuare a vegetare e quindi ad accumulare fotosintetati nei grappoli, quindi ad aumentare i livelli produttivi e qualitativi delle uve. É previsto che le uve delle parcelle Biokimia giungeranno a piena maturità in maniera identica rispetto alle uve trattate con linea aziendale poiché sulla base della nostra esperienza, questo gap di maturazione sarà colmato nelle prossime settimane.

- i grappoli, facenti riferimento alle parcelle di Biokimia, si presentano più “morbidi”, cioè con un rachide più allungato e con maggiori spazi tra un acino e l’altro. La positività di questa evidenza è da leggersi in senso fitosanitario poiché questa conformazione favorisce maggiore ingresso di luce, aria e trattamenti fitosanitari.

Tra qualche settimana le foto conclusive della prova e le ultime osservazioni in merito.