The best solution for plant nutrition

Amino Phos Cu

Amino Phos Cu

CONCIME ORGANO-MINERALE NPK 3-35-20 CON RAME (Cu)
ATTIVATO CON AMMINOACIDI LIBERI
Azoto (N) totale3 %
Azoto (N) organico1 %
Azoto (N) ammoniacale1 %
Azoto (N) ureico1 %
Anidride fosforica (P2O5) totale35 %
Anidride fosforica (P2O5) solubile in citrato ammonico neutro e in acqua35 %
Anidride fosforica (P2O5) solubile in acqua35 %
Ossido di potassio (K2O) solubile in acqua20 %
Rame (Cu) solubile in acqua9 %
Carbonio organico (C) di origine biologica7,5 %
Concimi minerali: urea, concime NP 12-61 (fosfato monoammonico), concime PK 58-38
Componenti organiche: epitelio animale idrolizzato

Modalità di analisi del fosforo contenuto

Per analizzare la quantità di fosforo presente in Phos Ram, espressa in anidride fosforica P2O5, si deve usare un metodo in IPC (Ion-pair chromatography) o in LC (liquid chromatography using a hypercarb column).

Caratteristiche e vantaggi

Formulazione in polvere solubile ottenuta per miscelazione di componenti esclusivi attivata con amminoacidi e peptidi a basso peso molecolare altamente assimilabile da parte dei tessuti, delle foglie e delle radici e velocemente traslocabile all’interno della pianta attraverso i vasi conduttori.
Gli amminoacidi presenti complessano e veicolano il rame contenuto e ne garantiscono una veloce e sicura assimilazione.
Il rame, così, penetra nei tessuti agendo all’interno della pianta.
Amino Phos Cu intensifica la moltiplicazione cellulare e consente una più veloce ripresa delle piante che hanno subito stress per condizioni climatiche avverse, attacchi fungini e/o batterici, ripristinando le attività metaboliche delle piante attaccate.
Coadiuva ed esalta l’attività dei fungicidi con cui si associa, migliorando lo stato sanitario della pianta.
Amino Phos Cu, grazie al rame, induce una maggiore sintesi della clorofilla ed incrementa l’attività fotosintetica, garantendo una maggiore produzione di sostanza secca e di proteine.

Modalità e dosi d’impiego

Amino Phos Cu si impiega in applicazione fogliare e in fertirrigazione utilizzando impianti di irrigazione a goccia o può essere impiegato con mezzi idonei alla distribuzione degli erbicidi e/o fitofarmaci.
Colture arboree (agrumi, melo, pero, kiwi, pesco, albicocco, susino e ciliegio): in applicazione fogliare dalla ripresa vegetativa alla fase di frutto ingrossato ripetere 3-4 volte, oppure in presenza di stress fisiologici causati da attacchi fungini e/o di batteri alla dose di 0,8-1 kg/ha (da evitare in fioritura); in post-raccolta alla dose di 2 kg/ha. In fertirrigazione alla dose di 10 kg/ha.
Olivo: in applicazione fogliare dalla ripresa vegetativa alla fase di frutto ingrossato ripetere 3-4 volte, oppure in presenza di stress fisiologici causati da attacchi fungini e/o di batteri alla dose di 2 kg/ha (da evitare in fioritura). In fertirrigazione alla dose di 10 kg/ha.
Vite: in applicazione fogliare durante tutto il ciclo ripetere 4-6 interventi, oppure in presenza di stress fisiologici causati da attacchi fungini e/o di batteri alla dose di 1 kg/ha in associazione con i più comuni antiparassitari (ad esclusione di quelli contenenti rame); in post-raccolta alla dose di 2 kg/ha.
Fragola, melone, anguria, pomodoro, patata, melanzana, peperone, cavoli: durante tutto il ciclo produttivo in applicazione fogliare, oppure in presenza di stress fisiologici causati da attacchi fungini e/o di batteri alla dose di 0,8-1 kg/ha (da evitare in fioritura), o in fertirrigazione alla dose di 1 kg per 1.000 mq.
Colture cerealicole ed estensive (frumento duro, frumento tenero, mais, orzo, barbabietola): in applicazione fogliare alla levata e prima della spigatura nel frumento e nell’orzo anche in occasione di attacchi di Fusarium spp. e di ruggini, nel mais in occasione di trattamenti contro la “piralide” anche per prevenire la formazione di tossine nella fase di stoccaggio, nella barbabietola alla 7-8 foglia vera e da ripetere dopo 7 gg alla dose di 1-1,25 kg/ha.
Pomodoro da industria: in fertirrigazione alla dose di 5 kg/ha o distribuito con botti del diserbo e/o dei trattamenti antiparassitari alla dose di 1-1,25 kg/ha da ripetere più volte durante tutto il ciclo (evitando trattamenti fogliari alla fioritura).

Si consiglia di impiegare 500-1.000 litri di acqua per ettaro per una migliore distribuzione.
Non superare la concentrazione del 1,5 per mille (150 gr per 100 litri di acqua).

Miscibilità

Il prodotto è miscibile con altri formulati ad esclusione di quelli contenenti rame e amminoacidi e si consiglia, comunque, di effettuare sempre piccoli test per verificare la compatibilità.

Confezioni

Sacchetto da kg 1 e kg 2,5